Industrializzazione del processo immobiliare

25 Giu, 2017

L’edilizia è il mercato meno industrializzato che conosciamo ad oggi. Ancora troppo è affidato a sistemi di progettazione che potremmo definire “frammentata” quando non addirittura improvvisata o in gran parte realizzata in fase d’opera, preso il cantiere. Vi siete mai chiesti perché in Italia non sbarcano gli importanti studi di progettazione americani?
Il motivo è, a mio avviso, molto semplice: in questo Paese l’investitore immobiliare non vuole pagare una progettazione in grado di industrializzare il prodotto immobiliare e si accontenta di un prodotto di basso livello, spesso affidato a maestranze poco più che artigiane, di piccolissime dimensioni e sprovviste di uffici tecnici. Nel settore immobiliare italiano manca il processo “olistico” di realizzazione del prodotto. Tale mancanza è il principale difetto per il quale non riesce a decollare una vera industrializzazione del settore. Il principio olistico sta alla base di ogni processo industriale per realizzare manifatturieri come un auto, uno smartphone piuttosto che una collezione di abiti. Perché anche per la filiera dell’edilizia non può essere lo stesso? Perché oggi non esistono, in Italia, dei veri e propri brand dell’edilizia. Dei brand capaci, mediante una cultura olistica, di creare un processo industriale efficace per realizzare, gestire e valorizzare un edifico. Penso che il futuro cambiamento che la digitalizzazione porterà anche nel mondo dell’edilizia e dell’immobiliare, vedrà nascere una nuova organizzazione della filiera industriale dell’edilizia stessa.


E’ necessario pensare allo sviluppo industriale di un prodotto

E’ necessario pensare allo sviluppo industriale di un prodotto che diventi sempre più HI-LO (High performance – Low cost). Ciò richiede un cambiamento culturale che porti, gradualmente, ad un “processo olistico di industrializzazione” dell’intera filiera costruttiva e manifatturiera dell’edilizia e dell’immobiliare.

Industrializzare significa, in sintesi:
Svolgere attività di ricerca qualificata e strutturata al fine di realizzare prodotti immobiliari sempre più di qualità e sempre meno costoso.

Progettare mediante computational design per la simulazione dell’intero processo edilizio.

Progettare e realizzare tutti i componenti della costruzione ed il loro assemblamento in fabbrica (off-site).

Informatizzare la trasmissione del progetto al cantiere (utilizzo della realtà aumentata e gestione mediante BIM).

Ridurre sempre più i costi ed i tempi di realizzazione del cantiere.

Glocalizzare il prodotto, ovvero, rendere un prodotto locale capace di concorrere ad un livello globale grazie alla digitalizzazione del prodotto stesso.